Visita dell'Hotel de Sade

Il Sade Hotel riunisce un interessante strato di stati storici. Originariamente era occupato da un vasto complesso termale risalente al IV secolo dC.

CMN

Il Sade Hotel riunisce un interessante strato di stati storici. Originariamente era occupato da un vasto complesso termale risalente al IV secolo dC.

L'insieme degli edifici dell'Hôtel de Sade è acquisito e classificato monumento storico dallo Stato, nel 1929, sotto l'azione congiunta di Jules Formigé (1879-1960), architetto capo dei monumenti storici, e di Pierre de Brun (1874-1941), fondatore del museo delle Alpilles, che lo salvano dalla rovina.
Dal 1954, sotto la guida di Henri Rolland (1887-1970), l'hôtel de Sade diventa il deposito di scavi del sito di Glanum le cui collezioni saranno presentate al pubblico a partire dal 1968.
Oggi presenta una parte delle collezioni di sculture antiche di Glanum.

A proposito del luogo

1 rue du Parage Saint Rémy de Provence
  • Château, hôtel urbain, palais, manoir
  • ,
  • Musée, salle d'exposition
  • ,
  • Monument historique

Un concentrato di architetture dall'antichità al rinascimento Balthazar de Sade (1461-1518) fa edificare, alla fine del XV secolo, un palazzo particolare di stile rinascimentale, nel cuore di Saint-Rémy-de-Provence, all'ubicazione di notevoli monumenti civili: antiche terme, torre medievale e casa della Decima ma anche religiosa: chiese Notre-Dame-de-la-Tour e Saint-Pierre costruite nel Medioevo e cappella dei penitenti neri edificata in epoca moderna. Uno scrigno per le collezioni di Glanum Nel 1929 l'edificio fu acquisito e classificato monumento storico dallo Stato sotto l'azione congiunta di Jules Formigé (1879-1960), architetto capo dei monumenti storici, e di Pierre de Brun (1874-1941), fondatore del museo delle Alpilles. Dal 1954, sotto la direzione di Henri Rolland (1887-1970), l'hôtel de Sade divenne il deposito di scavi del sito di Glanum. Le collezioni sono presentate al pubblico a partire dal 1968\. Le sculture antiche maggiori di Glanum vi sono oggi presentate. Un percorso