L'opera e la ricostruzione della bottega di Pierre GRAILLE

L'opera e la ricostruzione della bottega di Pierre Graille

© Adagp, Paris, 2023

L'opera e la ricostruzione della bottega di Pierre Graille

"Raccontare una storia è una cosa, la più difficile è fare di questo pezzo di argilla qualcosa che pensi."

Modesto impiegato delle Poste a Grambois (Luberon-Vaucluse), santonnier, maiolica, scultore su legno, Pierre Graille (1915-2014) era un uomo dalle molteplici sfaccettature. Autodidatta, ha lasciato un'opera immensa ispirata dal suo amore per la Provenza, dalla sua sete di sapere e di cultura.
Pierre Graille rappresentava in Santon gli uomini e le donne del suo villaggio, le persone care al suo cuore, artisti o personalità politiche.
"Raccontare una storia è una cosa, la più difficile è fare di questo pezzo di argilla qualcosa che pensi." Seguendo le sue raccomandazioni, le sue figlie hanno lasciato al castello di La Tour d'Aigues la quasi totalità del contenuto del suo studio. Le giornate del patrimonio saranno l'occasione per scoprire la ricostruzione della bottega di Pierre Graille e le sue creazioni personali di santon di maioliche e di intaglio del legno.

A proposito del luogo

Château de La Tour d'Aigues 84240 La Tour-d'Aigues
  • Château, hôtel urbain, palais, manoir
  • ,
  • Monument historique

Il castello di La Tour d'Aigues en Vaucluse, proprietà del Consiglio Generale, ospita dal 1987 un museo delle maioliche. In occasione dei lavori di restauro del castello, effettuati dal Consiglio Generale di Vaucluse, e degli scavi archeologici condotti dal 1976 al 1980, è stato portato alla luce un importante insieme di ceramiche, vetrerie, piastrelle di pavimentazione. La Torre d'Aigues è stato un centro di produzione di maioliche nella seconda metà del XVIII secolo grazie» a Jean-Baptiste-Jérôme BRUNY (1724-1795), proprietario del castello. Questo discendente di una famiglia della grande borghesia marsigliese era uno studioso, un appassionato di storia naturale, di medicina, di agronomia e un grande amante dell'arte. Il suo spirito d'impresa, la sua curiosità, il suo gusto per la ricerca applicata lo portò a tentare diverse esperienze nei più svariati campi: così creò una terragliera in una roccaforte vicina al castello, di cui alcune produzioni si trovano al museo. Si circondò di a

Château de La Tour d'Aigues Musée des Faïences, conseil général de Vaucluse