Mostra e conferenza alla casa di Regione, "dalla tipografia Plainemaison al Frac-Artothèque".

Giornate europee del patrimonio 2023

©Région Nouvelle-Aquitaine, Inventaire général du patrimoine culturel, Philippe Rivière

Proprietà della Regione Nuova Aquitania, l'edificio della vecchia tipografia Plainemaison progettato nel 1893 dall'architetto Alfred Rouchaud ospiterà il Fondo Regionale d'Arte Contemporanea (FRAC) e l'Artoteca della Nuova Aquitania.
Venite a scoprire la storia e l'architettura di questo sito, alla casa della Regione, sabato 16 settembre
In programma: - Una mostra "la tipografia Plainemaison, futura Frac-Artoteca di Nuova Aquitania", dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 16.

  • Hall della casa della Regione, 27, boulevard de la Corderie, Limoges.
  • Una conferenza sulla storia della stampa a Limoges di Jérôme Decoux, ricercatore presso il servizio regionale del patrimonio e inventario della Nuova Aquitania, alle 11.00 e alle 14.30.
  • Salon de la maison de la Région, 27, boulevard de la Corderie, Limoges,
    .

A proposito del luogo

17bis rue Charles-Michels, 87000 Limoges
  • Première participation
  • ,
  • Édifice industriel, scientifique et technique
  • ,
  • Lieu de culture, spectacles, sports et loisirs

Proprietà della regione Nuova Aquitania, l'edificio della vecchia tipografia Plainemaison progettato nel 1893 dall'architetto Alfred Rouchaud ospiterà il Fondo Regionale d'Arte Contemporanea (FRAC) e l'Artoteca della Nuova Aquitania. La sua notevole architettura in metallo, la facciata monumentale, le ampie baie e i due livelli di gallerie aperte ne fanno un testimone eccezionale della storia della stampa limugale. La sua riconversione è stata affidata allo studio di architettura Jakob+Macfarlane, noto soprattutto per le sue realizzazioni come il FRAC Centre, il ristorante Georges du Centre Georges Pompidou o Les Docks - Cité de la Mode et du Design a Parigi.

L’imprimerie Plainemaison, futur Frac-artothèque de Nouvelle-Aquitaine ©Région Nouvelle-Aquitaine, Inventaire général du patrimoine culturel, Philippe Rivière